Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

banner regionebanner metropoli

Calendario Eventi

Ottobre 2017
D L M M G V S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4

Prossimi eventi

Nessun evento

Finanza e Tributi

finanze tributiL'area tematica Finanze e Tributi consente ai contribuenti ed ai cittadini che hanno bisogno di informazioni di conoscere, le novità, le scadenze ed i dati occorrenti per il pagamento dei vari tributi comunali.

Edilizia e Urbanistica

edilizia urbanisticaL'Area Tematica Edilizia e Urbanistica fornisce informazioni in materia di edilizia privata, con particolare riferimento alle procedure da seguire, alla modulistica da compilare ed agli uffici cui rivolgersi per presentare progetti, richiedere certificati ecc.

Ragioneria e Ufficio Scuola

ufficio scuolaIn questa sezione alcune informazioni utili sulle strutture scolastiche presenti in Samone e relativi regolamenti e tariffe. E' disponibile anche la Modulistica per l'iscrizione alla Scuola Elementare e Materna. Clicca qui per accedere

Elenco Siti tematici

siti tematiciElenco Siti tematici: Art.54 del Dlgs. 7 marzo 2005 n.82 "Codice Amministrazione  Digitale"

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Imposta Municipale Propria


L’Imposta Municipale Propria (IMU) costituisce la componente di natura patrimoniale della IUC, dovuta dal possessore di immobili
RIFERIMENTI NORMATIVI
• Legge 147/2013 del 27 dicembre 2013 e s.m.i
• Decreto legislativo n. 23 del 14 marzo 2011, art. 8 e 9
• Decreto Legge n. 201 del 06 dicembre 2011 art.13 convertito in Legge n. 214 del 22 dicembre 2011
• Decreto legislativo 504 del 30 dicembre 1992
• Decreto Legge 102/2013 convertito in Legge 124 del 28/04/2013
• Decreto Legge 133 del 30 novembre 2013, convertito in Legge n. 5 del 29/1/2014


ANNO 2017 - ACCONTO

Il versamento deve corrispondere al 50 per cento dell'imposta calcolata applicando le aliquote e le detrazioni dei dodici mesi dell'anno precedente.

Il Consiglio Comunale con delibera n. 3 del 21.02.2017 ha confermato per l’anno 2017 le aliquote e le detrazioni così come stabilite per l’anno 2016.


OGGETTO DELL'IMU


L'IMU è dovuta per il possesso di:
• fabbricati
• aree fabbricabili
• terreni agricoli


SOGGETTI PASSIVI


I soggetti passivi sono:
• il proprietario di fabbricati, fabbricati rurali, aree fabbricabili e terreni agricoli a qualsiasi uso destinati;
• il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, di superficie ed enfiteusi;.
• il locatario per gli immobili (anche per immobili da costruire o in costruzione) concessi in locazione finanziaria (leasing) dalla data di stipula del contratto;
• l'ex coniuge affidatario della casa coniugale


DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE

 

Fabbricati


Per i fabbricati la rendita catastale iscritta a catasto deve essere rivalutata del 5% e poi deve essere moltiplicata per i nuovi coefficienti di Legge:
• 160 per i fabbricati classificati nelle categorie catastali del gruppo A (esclusa la categoria A/10) e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7;
• 140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5;
• 80 per i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/10 e D/5;
• 60 per i fabbricati classificati nelle categorie catastali del gruppo D ( esclusi i D/5); tale moltiplicatore è elevato a 65 a decorrere dal 1° gennaio 2013;
• 55 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1;
La base imponibile è ridotta del 50% nei seguenti casi:
• Fabbricati di interesse storico e artistico
• Fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell'anno durante il quale sussistono dette condizioni. (Per ottenere tale riduzione il contribuente deve richiedere la perizia all'Ufficio Tecnico comunale con spese a proprio carico; in alternativa presentare apposita autocertificazione all'Ufficio Tributi).
Per i fabbricati classificabili nel gruppo catastale CAT. D non iscritti in catasto, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, la base imponibile è determinata (fino alla data di iscrizione in catasto) applicando ai valori contabili i coefficienti aggiornati ogni anno con Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

 

La base imponibile è ridotta del 50% per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1 A/8 A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l'immobile concesso in comodato; il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante oltre all'immobile concesso in comodato possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1,A/8,A/9.

 

Aree edificabili

Il valore è costituito da quello venale in comune commercio al 1° gennaio dell'anno di imposizione. Con delibera Giunta Comunale n. 44 del 27/03/2008 sono stati individuati i valori medi di mercato.

Valori aree edificabili


Terreni Agricoli

Il valore è costituito da quello ottenuto dalla moltiplicazione dei seguenti fattori:
reddito dominicale risultante in catasto, vigente al 1° gennaio dell'anno d'imposizione, rivalutato del 25% moltiplicato per il coefficiente pari a 135.

 

TIPOLOGIE ESENTI

Sono esenti dal pagamento dell’IMU le seguenti categorie:
- Unità immobiliari adibite ad abitazione principale ISCRITTE NELLE CATEGORIE CATASTALI A/2-A/3-A/4-A/5-A/6-A/7 e relative pertinenze (una sola per ciascuna categoria catastale C/2-C/6-C/7);

- Unità immobiliari ISCRITTE NELLA CATEGORIE CATASTALI A/2-A/3-A/4-A/5-A/6-A/7, posseduta a titolo di proprietà o usufrutto da anziani o disabili residenti in istituto di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permamente, a condizione che la stessa non risulti locata. L'esenzione si estende alle relative pertinenze (una sola per categoria catastale C/2-C/6-C/7);

- A decorrere dall'anno 2015, come previsto dall'art. 9-bis della Legge 80 del 23.05.2014, è considerata adibita ad abitazione principale (e quindi esente) una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti in Italia e iscritti all'AIRE, già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, purchè non locata o data in comodato d'uso;

- CASA CONIUGALE assegnata al coniuge a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;

- le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, ivi incluse le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci assegnatari, anche in deroga al requisito richiesto della residenza anagrafica;

- ai fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal D.M. 22/06/2008 del Ministro delle infrastrutture;

-ad un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento civile e militare, nonché al personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e, fatto salvo quanto previsto dall'art. 28, comma 1, del Decreto Legislativo 19/05/2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica.

- fabbricati rurali strumentali all'esercizio dell'attività agricola di cui all'art. 13 comma 8, del decreto legge 6/12/2011, n. 201 convertito, con modificazioni, dalla Legge 22/12/2011, n. 214 e successive modificazioni;

- fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati.

- i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali di cui all'art. 1 del D.Lgs. 29.03.2004 n. 99, iscritti alla previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione;

- i terreni agricoli ad immutabile destinazione agrosilvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibili e inusucapibili;

- sono esenti dall'IMU i terreni agricoli ricadenti in aree montane o di collina delimitate ai sensi dell'art. 15 della L. 27/12/1977; per il Comune di Samone godono dell'esenzione i terreni ricadenti nei fogli mappali 1-2

 

 

ABITAZIONE PRINCIPALE

Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l'abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile.
Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un'unita pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo.
Esempio: se la soffitta e la cantina, entrambe classificabili in C/2, sono accatastate unitamente all'abitazione principale, il contribuente può usufruire delle agevolazioni per l'abitazione principale solo per un'altra pertinenza classificata in C/6 o C/7.


CALCOLO DELL'IMPOSTA

L'imposta dovuta è determinata applicando alla base imponibile l'aliquota di competenza; l'importo dovrà poi essere rapportato alla quota ed ai mesi di possesso (è computato per intero il mese durante il quale il possesso si sia protratto per almeno 15 gg., mentre non è computato il mese in cui il possesso si sia protratto per meno di 15 giorni)
Dall'imposta ottenuta si tolgono le eventuali detrazioni spettanti, rapportate ai mesi di diritto. Esse vanno invece suddivise in parti uguali tra coloro che ne possono fruire.
Il versamento dell'imposta per l'anno in corso è effettuato in due rate di pari importo, la prima con scadenza alla data del 16 giugno e la seconda con scadenza al 16 dicembre, oppure in un'unica soluzione annuale da corrispondere entro il 16 giugno.
Il versamento deve essere eseguito mediante l'utilizzo del modello F24 secondo le disposizioni dell'art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, utilizzando codice ente H753 ed i seguenti codici tributo:

3912 IMU abitazione principale e pertinenze COMUNE
3914 IMU terreni agricoli COMUNE
3916 IMU aree fabbricabili COMUNE
3918 IMU altri fabbricati COMUNE
3925 IMU fabbricati gruppo D STATO
3930 IMU fabbricati gruppo D
COMUNE

 

Il pagamento deve essere effettuato con arrotondamento all'euro per difetto se la frazione è uguale o inferiore a 49 centesimi, ovvero per eccesso se superiore a detto importo.


DICHIARAZIONE IMU

Il decreto legge n. 35 dell'8 aprile 2013 ha modificato il termine per la presentazione della dichiarazione Imu. Ora i contribuenti (i cosiddetti soggetti passivi) sono obbligati a presentare la dichiarazione entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui è iniziato il possesso degli immobili o si sono verificate variazioni rilevanti in relazione alla determinazione dell'imposta. Riguardo agli immobili per i quali l'obbligo di presentare la dichiarazione è sorto dal primo gennaio 2012, la dichiarazione deve essere presentata entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto di approvazione del modello di dichiarazione dell'imposta municipale propria e delle relative istruzioni. La modifica è stata introdotta allo scopo di evitare una eccessiva frammentazione dell'obbligo dichiarativo derivante dal precedente termine mobile dei 90 giorni e risolve i problemi sorti in ordine alla possibilità di ricorrere al ravvedimento operoso da parte dei contribuenti.


Dichiarazione IMU

Istruzioni per la compilazione

 

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il Regolamento ICU (modificato con delibera di Consiglio Comunale n.4 del 13/04/2016) o rivolgersi all'ufficio tributi del Comune negli orari previsti.